Associazione PRO LOCO Verolavecchia

 

 

 

Verolavecchia (BRESCIA) ITALIA

 
 

 

PARLM BRES

Questa sezione aperta a tutti coloro che vogliono tenere vivo il nostro bel dialetto bresciano bassaiolo. Inviate liberamente le vostre composizioni.

 

 

Lorenzo Tartini

NL FSCH D LA NT

(Nel buio della notte)

 

Segnalazione di merito per il XXXIV concorso di poesia dialettale lombarda

indetto dalla Compagnia filodrammatica "I Soliti"

a Montanaso Lombardo - LODI - 2009

 

Lse i me lber che smper ma stra

e vrde l fsch d la sra che ra:

la lna la crs, le stle le brla,

vla ne lria le prme ste

con sfingi e barbi, antt che aspte

j-ansme p bi.

 

Tt de per me s le cle d lrt

nel fsch d la nt me vrde de lns:

ne lria tranqula gh i lser,

risplnd la lna, sbarbla na stla,

nel fs cnta i gr, ga respnd na rna,

strals on lum.

 

- Con lnema e l cr a lra d n bt

n clma serna e la quit d la nt

che fi,  sl,  a rimir l firmamnt

e l cil trapuntt d stle e d nint?

Che vlei? Che sptei? Al s gn m:

spte argta d b.

 

Nel fnd d la nt on ngol sbregt

al sparpia la lna n scima d lt;

na stla cadnt lampsa d fch

la lta del cil e la spars d frsa

ne lria e nel fsch dedr a le lteme

pinte del bsch.

 

Cla la lna, sa smrsa le stle,

la lce la sbanca ansma al scr

le strie p ble. Al sul al spnta

d nv sra l mnd, dedr del mr

on gl al cnta la svglia per tcc

da j-ansme p lng.

 

Al sul al sa la s lrba bagnda,

s le pinte e i tcc co la frsca rosda,

lanlmina la tra, l sclda l me cr.

Le fantase d la nt prst le mr

per las l pst a le fadghe del d

che comncia d nv.

 

 

Lascio i miei libri che sempre mincantano

e guardo il buio della sera che arriva:

cresce la luna, brillano le stelle,

volano nellaria le prime civette

con sfingi e falene, intanto che aspetto

i sogni pi belli.

 

Tutto da solo sulle aiuole dellorto

nel buio della notte guardo lontano:

ci sono le lucciole nellaria tranquilla,

risplende la luna, brilla una stella,

cantano i grilli nel fosso risponde una rana,

balugina un lume.

 

Con lanima ed il cuore allora del tocco

nella calma serena nella quiete della notte

che faccio, da solo, a rimirare il firmamento

ed il cielo trapuntato di stelle e di niente?

Che voglio?Che aspetto?Non lo so nemmeno:

aspetto qualcosa di bene.

 

Nel fondo della notte una nuvola diffusa

sparpaglia la luna in schiuma di latte;

una stella cadente accende di fuoco

la volta del cielo e sparisce in fretta

nellaria e nel buio dietro alle ultime

piante del bosco.

 

Cala la luna, si spengono le stelle,

la luce sbianca insieme alloscurit

le storie pi belle. Il sole spunta

di nuovo sul mondo, dietro il muro

un gallo canta la sveglia per tutti

dai sogni pi lunghi.

 

Il sole si leva sullerba bagnata,

sulle piante e sui tetti con la fresca rugiada,

illumina la terra, scalda il mio cuore.

le fantasie della notte muoiono alla svelta

per lasciare il posto alle fatiche del giorno

che comincia di nuovo.

 

 

 

 

 

 

 

Home

arrow Indietro

  Associazione Pro Loco Verolavecchia

a cura di Armando Barbieri

Ultimo aggiornamento: 16/01/2010