Associazione PRO LOCO Verolavecchia

 

 

 

Verolavecchia (BRESCIA) ITALIA

 
 

 

SALVIAMO SCORZAROLO !

Pagina dedicata al degrado inesorabile che affligge

da tempo la piccola frazione di Verolavecchia.

 


'È evidente, e lo si coglie perfettamente nel vecchio borgo abbandonato, che qui siamo ormai alla fine di una lunga e silenziosa esistenza. Dunque è urgente affrontare fin da subito lo studio di questo ultimo brandello di medioevo, incastonato in una terra che, così come siamo abituati a conoscerla, è nata non molto prima del ‘400 da una intensiva riorganizzazione delle nostre campagne.'

T. Casanova, da Ombre senza voce, 1998


arrow Scorzarolo cade a pezzi

Un articolo di G.M. Andrico sul 'Giornale di Brescia' del 30/11/2010  - pdf 470 kb

 

A TAL PROPOSITO HANNO DETTO:

 

 

06/12/2010

Io la butto lì, ma non sarebbe possibile preparare un progetto per fare di Scorzarolo

una sorta di museo della civiltà contadina della pianura bresciana  coinvolgendo le istituzioni (Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Comuni della pianura, Associazioni culturali e scientifiche, scuole, ecc. cercare finanziamenti dalla Comunità Europea, Banche, Privati) ?

Attivare un concorso di idee e chiedere la collaborazione degli studi tecnici più sensibili, Università e altro. 

Il coordinamento potrebbe essere affidato alla Fondazione Civiltà Bresciana.

Eugenio Zanotti - Orzinuovi

 


 

06/12/2010

Cosa pensate che possiamo fare noi anonimi tapini, se anche le nostre ultime 5/6 amministrazioni son rimaste a guardare, anzi forse non hanno neanche guardato mai cosa stava succedendo a Scorzarolo. Pensa che ho fatto notare, a due sindaci, che c'era un palo di cemento con punte in ferro MOLTO pericolose abbandonato dall'Enel lì dalle parti della Moia, nel 'fiumicello' Usignolo, nessuno mai si è preso la briga di avvisare appunto l'Enel di venirselo a portar via.

Boh, io sono un po' pessimista. Comunque se vi servono foto, sono disponibile.

giba - Giovanni Barili - Verolavecchia

 


 

06/12/2010

Non ci resta che piangere. Questa è la mia amara conclusione dopo 33 anni di intensa attività professionale con eclatanti esempi condotti sulla salvaguardia del patrimonio architettonico tradizionale (mai raso al suolo un’architettura di pregio non tanto monumentale -non osano generalmente neppure i palazzinari più cruenti -ma anche solo di interesse tipologico-ambientale), di 23 anni di impegno culturale x certi discorsi e se siamo ancora a questi punti, caro Armando ammainiamo bandiera bianca e concediamoci pure noi meritate ferie.

Ghè gnènt dè fa. Prossima apertura a tempi migliori (se ci saranno).

Dezio Paoletti - Brescia

 


 

06/12/2010

La cosa migliore che si possa fare sarebbe acquisire l’intera area, ristrutturarla e fare degli alloggi convenzionati. Magari unendo le forze di più comuni (Verolanuova e Verolavecchia)?

Davide Checchi - Verolanuova

 


 

06/12/2010

Mi dispiace che una zona così ricca di attività economiche e imprenditoriali sia indifferente all'abbandono della frazione di Scorzarolo. Sono pessimista sulle sorti dell'edificio e quello che sta succedendo in questi giorni a Pompei non fa che confermare l' infausta diagnosi almeno per quel che riguarda l'intervento pubblico.

Una idea potrebbe essere quella di un restauro con l'obiettivo di un centro permanente cinematografico per scenografie d'ambiente.....Cordiali saluti.

Francesco Fontana 'Ag. Generali' - Verolanuova

 


 

06/12/2010

Ho un'idea. Visto che tutti si riempiono la bocca di belle parole sulla situazione della ricerca in Italia, si potrebbe realizzare a Scorzarolo un Centro di Ricerca, su temi da concordare, con il coinvolgimento dell'Ospedale Civile, dell'Università di Brescia,
del Comune di Verolavecchia, della Provincia, ecc.

Che ne pensate?

Angelo Carini - San Paolo
 


06/12/2010

Salvare Scorzarolo, forse un'utopia, ma non senza almeno una speranza.

Già alla fine degli anni novanta l'amministrazione comunale di cui facevo parte aveva intrapreso l'idea, ed aveva già raggiunto degli accordi con l'Ospedale civile di Brescia, se non che qualcuno ... aveva già rovinato il tutto.

Si deve premere sulle due amministrazioni comunali e spingere l'apporto della provincia e della regione. Sicuramente sarà molto difficile che i privati facciano qualcosa senza tornaconto. Forse si può sperare in un aiuto delle banche, delle assicurazione e delle finanziarie (forse), se avranno almeno un piccolo vantaggio quando però gli enti predetti avranno già deciso il loro intervento per salvare un piccolo borgo contadino unico superstite testimone di un tipo di civiltà: quella contadina.

Bisogna intervenire e premere, se le amministrazioni vogliono possono fare qualcosa: non serve trincerarsi dietro risposte come quelle già date.

Saluti e speriamo 

Lorenzo Tartini - Verolavecchia

 


 

07/12/2010

Io direi che sarebbe opportuno chiamare 'Striscia la notizia', che oggi come oggi in Italia è l'unico modo per farsi sentire.

Cordialmente.

Luigi Buratti - Verolavecchia
 


 

08/12/2010

L'ho visto cadere estate dopo estate, inverno dopo inverno passandoci in bicicletta e a piedi. Una grande desolazione per la progressiva scomparsa di questa piccola, affascinante e antica corte.

Cosa si potrebbe fare... come ha già detto qualcuno un centro di ricerca capace di coinvolgere, enti, istituzioni e persone appassionate del passato. Il tutto per creare nuove attività e dare possibilità a giovani interessati al passato (mi ci metto pure io) di fare di una passione un vero e proprio lavoro!

Non sarebbe male, forse è solo un sogno, ma dicono che non si deve mai smettere di sognare e sperare... quindi mai dire mai! Forza Scorzarolo non sparire!

Viviana Filippini - Verolavecchia

 


 

08/12/2010

E se chiamassimo veramente Striscia la notizia... con 100% Brumotti (il tipo con la bicicletta)? Magari qualcosa si smuoverebbe.

Viviana Filippini - Verolavecchia

 


 

08/12/2010

Salvare Scorzarolo non è un'utopia! Bisogna con un gruppo determinato affrontare il problema sotto i diversi aspetti! Innanzi tutto interessare l'Amministrazione locale che ponga VINCOLI su questo ultima testimonianza a rischio di ...scomparsa.

Farsi interpreti di molti che vogliono conservare questo interessante patrimonio.

Premere su Provincia e Regione per la conservazione dei beni culturali.

Interessare banche, assicurazioni e finanziarie perché siano sensibili al problema e possano intervenire finanziariamente.

Ricorrere, se necessario, a chi ha voce in capitolo per la salvaguardia dei beni architettonici ed ambientali, (non importa il colore del partito o delle idee politiche),

l'importante è raggiungere lo scopo.

Sgarbi o Striscia la notizia, Teletutto o Telecolor, Super Radio TV e i vari giornali locali, l'importante è che se ne parli! Subito! 

Scrivere  lettere sul grave problema  alle Amministrazioni di Verolavecchia e di Verolanuova, (attenzione: facendole protocollare) e chiedere risposte rapide.

Questo come primi passi. Saluti e a risentirci.

Lorenzo Tartini - Verolavecchia

 


 

08/12/2010

SI potrebbe fare una mostra fotografica sulla situazione attuale del complesso di Scorzarolo e magari anche una mostra sulla sua storia, come primo passo verso una sua ristrutturazione.

Certo perché sia recuperata occorre una presenza che ne giustifichi la spesa.

Idee più o meno strampalate: una comunità di recupero tossici, un museo dell'arte contadina, una comunità monastica, una scuola/centro di formazione...

Don Alberto Tomasini - Parrocchia di Cadignano

 


 

Scrivete i vostri suggerimenti a:

prolocoverolav@email.it

 

 

arrow Scorzarolo

Cosa c'è di interessante nella piccola frazione.

arrow La chiesetta della Madonnina delle Cave

Tutto sulla chiesetta di Scorzarolo

arrow Il Borgo di Scorzarolo

Scarica e stampa il pieghevole in formato A4 - pdf - 300 kb

arrow Memoria storica Verolese

Pagina dedicata al Museo della Civiltà Contadina in loc. 'Bersaglio'

arrow La pietra ritrovata

Ogni  tanto  qualcheduna  ritorna...

 

Home

arrow Indietro

  © Associazione Pro Loco Verolavecchia

a cura di Armando Barbieri

Ultimo aggiornamento: 08/12/2010