Associazione PRO LOCO Verolavecchia

 

 

 

Verolavecchia (BRESCIA) ITALIA

 
 

 

PARLM BRES

Questa sezione aperta a tutti coloro che vogliono tenere vivo il nostro bel dialetto bresciano bassaiolo. Inviate liberamente le vostre composizioni.

 

 

Lorenzo Tartini

DR A LE RE DL STR

(Lungo le rive dello Strone)

 

Primo premio assoluto per la poesia in dialetto per la Lombardia ed il Canton Ticino

indetto dalla Compagnia filodrammatica "I Soliti"

Montanaso Lombardo - LODI - 2008

 

Qut vagabond per tta lestt

dr a le t vrde re, dr a le t spnde

a crer e a scavres come n mt;

ne le cque cire a pesc col per

o col sbogt, fra le fie del z e le nde,

chiis, bs scrpoi, ole, bianch e ver,

e a sbter s la fnga s le crve

per ciap le lampdre che bisca

fra le m cme angule e, p, nd a spi

dnter i n, j-v de frnguei o de sgarzt

o loci la mder che lambeca

i gulcc o i picin che sta al strt.

Nei tre e dr ai sentr de Scorsarl

an p ncc n sintem n cld n frt,

scoltem l vrs del mrlo o del rosgnl,

quter prde n scarsla e on tirass

a centr tcc i pi e le bocalne,

f a gra s le pinte a rampegs,

cat per i nedrcc e le galne

al prt o qulche fs de furmint

o on masl de spgna per i concc,

e, p, ne le t cque nte a sguass

per ma turn a cza sprch ansamcc

e a la santla f l sgn de la crs,

d norasi o nve Mara sta s.

Cme olentra turnarse ndr

sa coi trcoi, coi spi o snsa scrpe:

A ser lber se, ormi me mal sgne,

e smper an p ncc and  per bri

per spirob du pm e quter brgne,

serc i gregns, le sltere e i grasi

e perdm an del vrd de le t pinte

tt an ms al gr gr de le sigle

e al cant de le rne e de j-osi.

Tt chsto l vl tt cme la salte

e pnse, trp de sps, qut al ma mnca,

de sicr gh ma de p gn de mi

e, crto, l vl p tnt de la palnca.

 

Verolavecchia, 2 giugno 2007,

Festa della Repubblica.

Metro: Endecasillabi sciolti.

 

Quanto vagabondare per tutta lestate

lungo le tue verdi rive, lungo le tue sponde

a correre e scorazzare come un matto;

nelle acque chiare a pescare con la forchetta

o con la rete, fra le foglie delle alghe e le onde,

cavedani, bose, aole e vaironi,

e buttare su il fango sulle curve

per prendere le lamprede che scivolavano

fra le mani come anguille, e poi spiare

dentro i nidi le uova di fringuello o dellaverla

o spiare la madre che imbeccava

i piccoli alle strette pronti al volo.

Nei campi e lungo i sentieri di Scorzarolo

a piedi nudi non sentivamo n caldo n freddo,

ascoltavamo il verso del merlo e dellusignolo,

quattro pietre nella tasca e un tirasassi

a centrare tutti i pali e gli isolanti,

fare a gara ad arrampicarsi sulle piante,

cogliere per le anatre e le galline

il prato o qualche pannocchia di granoturco

o un mazzo di erba medica per i conigli,

e, poi, sguazzar nelle tue acque pulite

per non tornare a casa tutti sporchi lordi

ed alla santella fare il segno della croce

dire una prece o unAve Maria sotto voce.

Come volentieri tornerei indietro

sia con gli zoccoli o senza scarpe:

Ad essere cos libero ormai me lo sogno,

e sempre a piedi nudi andar per broli

per rubacchiare due mele e quattro prugne

cercare i radicchi, le cicorie e la valeriana

e perdermi nel verde delle tue piante

immerso nel gre gre delle cicale

e al cantar delle rane e degli uccelli.

Tutto questo vale tanto come la salute

e penso troppo spesso quanto mi manca,

di sicuro non c di pi n di meglio

e, certo, vale molto di pi dei soldi.

 

 

 

 

 

 

 

 

'L_Str a Scorsarl

Lo Strone a Scorzarolo

 

arrow Guida pieghevole di Scorzarolo - Terra & Civilt

 

Home

arrow Indietro

  Associazione Pro Loco Verolavecchia

a cura di Armando Barbieri

Ultimo aggiornamento: 01/05/2009